Il vitigno PINOTAGE

Il Pinotage è un simbolo dell’enologia sudafricana ed è il risultato di un incrocio tra Pinot Nero e Cinsault. Fu creato in Sudafrica nel 1925 dal Professor Peroldt della Stellenbosch University.

 


L’eleganza e la struttura del Pinot Nero, insieme alla robustezza e resistenza del Cinsault fanno del Pinotage un vitigno unico, oggi riconosciuto a tutti gli effetti come un “autoctono” per il Sudafrica, anche se copre solo il 6% delle coltivazioni viticole del Paese.

Nel 1991, l’enologo Beyers Truter partecipò con alcuni Pinotage alla Wine and Spirit Competition. Grazie a quei vini fu il primo enologo sudafricano a conquistare il titolo di “Winemaker of the year”.

Fino agli anni '70 il Pinotage era considerato vitigno da vini economici; un ventennio più tardi i produttori iniziarono ad invertire la tendenza, anche grazie alle moderne tecniche di vinificazione che permettono di conservare l'aroma fruttato di queste uve che, grazie al clima sudafricano, molto simile a quello della Toscana, maturano in modo ottimale.